Nuova Enovit è ad oggi un’azienda d’imbottigliamento con attrezzature mobili tra le più significative a livello nazionale, con dieci impianti e una clientela situata per lo più fra Toscana e Umbria ma che si estende per il 40% anche sul resto d’Italia, incluse le isole come la Sardegna. Nuova Enovit nasce 35 anni fa dall’intuizione di un enologo, Danilo Coletto, che si era reso conto che la crescente esigenza da parte dei produttori vinicoli di poter vendere prodotti imbottigliati anziché sfusi poteva trovare risposta nell’utilizzo di attrezzature mobili supportate da personale qualificato (enologi e operatori tecnici).

 

Perché imbottigliare non è un gioco da ragazzi

Il ricorso a questo tipo di attrezzatura è motivata in primis dal costo di acquisto e dal costante adattamento e manutenzione che i macchinari di imbottigliamento richiedono ma anche dall’impegno di tempo e denaro, che possono essere diversamente impegnati, che vanno a pesare non poco sulle finanze di una piccola-media impresa. Inoltre, lungi dall’essere un’operazione banale, delegabile a personale generico, l’imbottigliamento è una fase cruciale che, se fatta male, può inficiare la qualità del prodotto, rendendo vano il lavoro fatto in vigna e in cantina. Nuova Enovit garantisce invece flessibilità e risultati sicuri grazie alla direzione e monitoraggio di un enologo e ai propri tecnici che non solo conoscono alla perfezione l’utilizzo dei macchinari ma hanno anche maturato una significativa conoscenza dei problemi in cui potrebbe incorrere il vino sottoposto ad un imbottigliamento non corretto.
I macchinari
Nuova Enovit mette a disposizione dei propri clienti macchinari di ultima generazione, costantemente sottoposti a controlli che ne assicurano la prestanza operativa. Le macchine usate appartengono ai maggiori marchi del settore (fra cui Gai spa, Cavagnino & Gatti, EverIntech, Sartorius) e sono muniti di tutte le certificazioni richieste dalla legge, incluse quelle per il settore biologico. Le macchine sono disposte all’interno di una particolare furgonatura le cui parti laterali si aprono e vanno a formare un piano di calpestio ed una copertura superiore. Nel dettaglio il sistema di imbottigliamento si compone di:
-Sciacquatrice: utilizza acqua a perdere, microfiltrata ed eventualmente addizionata di Anidride Solforosa
-Iniettore per la pre-evacuazione dell’aria dalle bottiglie e riempimento con gas inerte.
-Riempitrice: a caduta e/o leggera depressione, a leggera pressione di gas inerte e isobarica
-Tappatore: idoneo all’utilizzo di tappi in sughero, sintetici, in vetro tipo Vino-lok e a vite tipo STELVIN ed è dotato di dispositivi per l’annullamento della pressione dovuta alla tappatura stessa.
-Dispositivo per la regolazione millimetrica dei livelli in bottiglia
-Lisciatrice: a 4-6 teste rullanti per capsule metalliche e testa termica per capsule in PVC
-Etichettatrice con stazioni per etichette a colla o autoadesive: applicazione di etichetta, retroetichetta, bollino consorzio e fascetta Docg
-Impianto di filtrazione:
-filtro a piastre per filtrazione a strati con piastra di inversione.
– housing con cartucce in polipropilene e con cartucce di microfiltrazione.
-Generatore di acqua calda e vapore per la pulizia e la sterilizzazione degli impianti.
-Nastratrice per cartoni
-Opzionale: inscatolatrice automatica
I servizi: imbottigliamento
I sistemi mobili di Nuova Enovit permettono l’imbottigliamento di vini fermi, frizzanti e spumanti. In particolare gli impianti a leggera pressione e isobarici sono particolarmente idonei all’imbottigliamento dei vini senza solfiti aggiunti che proprio per questa loro caratteristica necessitano di una più accurata protezione da un eventuale assorbimento di ossigeno in fase di imbottigliamento. Sono lavorabili tutti i tipi di bottiglie standard da l 0,187 a l 1,500, tutti i tipi di chiusure in sughero e in materiale sintetico per tappatura a raso o a fungo inoltre è possibile l’applicazione delle chiusure in vetro tipo vino-lok e le chiusure a vite. Viene effettuata automaticamente la posa e la rullatura delle capsule sia in lega metallica che in pvc termoretraibile. La bottiglia viene completata con l’applicazione di etichetta, retroetichetta, bollino consorziale e contrassegno DOCG sia in formato carta e colla che in autoadesivo.
I servizi: inscatolamento
Fra i servizi che contraddistinguono l’imbottigliamento a domicilio di Nuova Enovit vi è anche l’inscatolamento. Il parco macchine di Nuova Enovit possiede infatti anche un autocarro con installati alcuni macchinari per le operazioni finali di confezionamento, con lo scopo di ridurre ulteriormente l’utilizzo di manodopera. Tali macchine provvedono a:
-Formatura della scatola
-Chiusura falde inferiori della scatola con colla a caldo
-Riempimento della scatola con le bottiglie provenienti dalla linea di imbottigliamento
-Pesatura e verifica dei cartoni con segnalazione di eventuali anomalie
-Chiusura delle falde superiori della scatola con colla a caldo
-Marcatura della scatola