fbpx

Castello Monterinaldi

Passione, qualità e perseveranza nel cuore del Chianti Classico

“Senza fretta… ma senza sosta”: questa la frase che rappresenta Castello Monterinaldi e in cui è racchiusa l’essenza dell’azienda. Ricorda il lento susseguirsi delle stagioni, a cui il ciclo della vite è sottoposto, l’attesa con cui si aspetta che un vino maturi e invecchi, ma anche e soprattutto il percorso che la cantina ha compiuto per raggiungere il prestigio che ha oggi. Quando, infatti, cinquant’anni fa, il commendatore Remo Ciampi acquistò la fattoria, ancora in regime di mezzadria, non pensava di costruire una cantina: era inizialmente una dimora di campagna, ma con il tempo, innamorandosi del territorio e dei suoi prodotti, il signor Ciampi decise di dedicarsi alla produzione di vino. Il primo vino prodotto fu il Chianti Classico Riserva 1967 (di cui la cantina conserva ancora un centinaio di bottiglie), ma, per oltre 50 anni, Castello Monterinaldi si è dedicato prevalentemente a vendere in partita ad altri marchi della zona le proprie uve. È solo dal 2000, per volontà del figlio del commendatore, il signor Daniele, che l’azienda ha deciso di intraprendere un nuovo percorso e produrre altri vini oltre alla Riserva. Un percorso lento e portato avanti con costanza, proprio come dice il motto della cantina ed esattamente come agisce una tartaruga, che dal 2011 è diventata, non a caso, il logo che spicca in ogni bottiglia di Castello Monterinaldi. IL TERRITORIO. L’immagine della tartaruga torna anche nella conformazione del territorio. Castello Monterinaldi, infatti, si trova tra Panzano e Radda in Chianti, nel cuore del Chianti Classico, su di una collina che dall’alto ricorda proprio una carapace di tartaruga. Nella sommità si trova il castello, datato anno 1000. 50 ettari di vigneti, per una densità media di 5.000 piante per ettaro, si estendono tutto intorno, coltivati prevalentemente a diversi cloni di Sangiovese – suddivisi in 18 parcelle, ciascuna con caratteristiche differenti per tipologia di clone, altitudine, terreno, composizione del suolo – ma  non mancano Malvasia, Canaiolo, Cabernet Sauvignon, Merlot, Gamay, Syrah… I VINI. La produzione si concentra soprattutto sul Chianti Classico: le uve provenienti da parcelle diverse vengono tenute separate sia in fase di vendemmia che di vinificazione e assemblate soltanto al momento dell’imbottigliamento. È così che prendono vita il Chianti Classico Annatae Riserva. L’azienda produce anche il Chianti Classico Vigneto Boscone, vino che deve il suo nome ad un particolare vigneto: si tratta di quello posto più in alto tra quelli di proprietà dell’azienda (470 m s.l.m.)  e anche quello con le vigne più longeve. Completano la produzione dell’azienda un Rosatoottenuto da salasso di Sangiovese, il Vin Santotradizionale del Chianti Classico, prodotto anche come Riserva, e 3 igt, il Gotto di Gottifredo, Sangiovese in purezza, la “Pesanella”, blend di varietà internazionali e il “Purple Turtle” assemblaggio di Sangiovese e Merlot. Tutti i vini rossi vinificano in cemento.

 

Numero bottiglie prodotte ogni anno

Ettari vitati

Numero etichette

CASTELLO MONTERINALD. Passion, quality and perseverance in Chianti Classico’s heart. “Without hurry but relentlessly”: this is the quote that represents Castello Monterinaldi and in which is contained the essence of this company. This statement alludes to the slow changing of seasons to which the cycle of life is subjected, it also alludes to the wait for a wine to mature and age but also to the path that the company followed to reach the prestige it has today. When, fifty years ago, the commander Remo Ciampi bought the farm, when the sharecropping was still in use, he was not thinking to transform it into a winery: it was, initially, a country house, but then, over time, Mr. Ciampi fell in love with the territory and its products and decided to start the wine production. The first wine produced was the Chianti Classico Riserva 1967 (of which the winery still has one hundred bottles), though, for more than fifty years Castello Monterinaldi mainly sold its grapes to other local brands. It is only since 2000 that, by the will of Mr. Daniele, Remo Ciampi’s son, the company started producing other wines along the Riserva. It was a slow and consistent process, just like the company’s motto says and exactly as a turtle moves, for this reason, since 2011, it’s precisely a turtle the logo of the company. THE TERRITORY. The image of the turtle comes back also when it comes to the shape of the area. Castello Monterinaldi is, in fact, situated between Panzano and Radda in Chianti, in the Chianti Classico’s heart, it is on a hill that from above reminds the carapace of a turtle. In the highest part of the land there is a Castle which dates from 1000. 50 hectares of vineyard with an average density of 5.000 plants are placed all around the castle, these vines are mostly grown as different types of Sangiovese clones- divided in 18 different parcels, each and every one of them with different characteristics depending on type of clone, altitude, ground and soil composition – but there also are Malvasia, Canaiolo, Cabernet Sauvignon, Merlot, Gamay, Syrah and lots of other types of grapes. THE WINES. The production is mostly concentrated on Chianti Classico: the grapes from different parcels are kept separated in the harvest moment and also in the vinication process and assembled only when the product is bottled. That’s how Chianti Classico Annata and Riserva are born. The company produces also the Chianti Classico Vigneto Boscone, this name comes from the vineyard located in the highest position ( 470m above sea level) and with the longest-running plants. The company’s production in then completed by the presence of a Rosato obtained from a Sangiovese drain, by a traditional Chianti Classico Vin Santo also produced in the Riserva version and at least by three igt wines: The Gotto Gottifredo, Sangiovese in purity, the Pesanella, a blend of international grapes, and the Purple Turtle that is a blend of Sangiovese and Merlot. All the red wines vinificate in concrete.

Contatta Castello Monterinaldi




Castello Monterinaldi

SP2bis, Loc. Lucarelli,

Radda in Chianti
53017 Radda in Chianti – SI

Telefono: +39 T. 39 0577 733533

Email: mail@monterinaldi.it

Sito Web: https://www.monterinaldi.it

X