More

    Anteprime di Toscana: appuntamento rinviato a maggio 2021

    Vino senza solfiti, ma esiste davvero? Le risposte dell’enologo

    Se ne sente parlare sempre più spesso e ha catturato l'attenzione di un numero crescente di produttori, enologi ed esperti del settore. Stiamo parlando del vino senza solfiti.

    Industria 4.0 e vino, come beneficiare del Credito d’Imposta

    ERInformatica presenta il suo pacchetto “chiavi in mano” pensato appositamente per il mondo del vino, per virare verso un’industria 4.0 beneficiando del 50% in credito d’imposta.

    Vino Chianti, che successo: è boom di vendite da inizio 2021

    Il successo del Vino Chianti non si ferma, neanche in questo momento ancora - purtroppo - difficile causa pandemia

    Gin Tonic Day 2021

    Il 9 aprile è il Gin Tonic Day, ecco qualche consiglio per festeggiarlo al meglio!

    Gelate a Montalcino: si accendono i falò

    Come in Borgogna anche a Montalcino si accendono i falò per contrastare le gelate fuori stagione Il freddo è arrivato decisamente fuori stagione; dopo un...

    Anteprime di Toscana slitta a primavera. L’assessore all’agricoltura Stefania Saccardi: “Impensabile annullare un appuntamento fondamentale per l’intero comparto agricolo regionale”

    Anteprime di Toscana si farà in primavera. L’appuntamento più noto e interessante che ha come protagoniste le eccellenze del vino toscano, sposta le proprie date a causa dell’emergenza sanitaria e fissa l’evento dal 14 al 21 maggio 2021.

    L’annuncio è arrivato dalla vicepresidente e assessore all’agricoltura Stefania Saccardi, in accordo con i Consorzi di tutela dei Vini Toscani DOCG/DOC/IGT, riuniti nell’associazione AVITO. “Era impensabile annullare nel 2021 le Anteprime di Toscana, che da sempre – ha sottolineato Saccardi – rappresentano il momento clou in cui il sistema vitivinicolo toscano, vera spina dorsale dell’intero comparto agricolo regionale, si presenta ai mercati e ai media internazionali con le nuove annate, soprattutto in un momento come questo, in cui la promozione può costituire una leva formidabile, se non per aumentare, almeno per mantenere posizioni sui mercati internazionali”.

    “Con un’annata che in vigna è stata eccezionale, siamo certi che i nostri viticoltori sapranno esprimere vini altrettanto eccellenti – ha continuato l’assessore – e questa sarà la risposta più convincente del mondo del vino toscano a qualche maldestro tentativo di frode a cui le nostre griffe sono ogni tanto soggette e che, proprio grazie alla serrata collaborazione dei Consorzi e degli Organismi di controllo, riusciamo a stanare”.

    Dalla metà di maggio inizierà dunque il susseguirsi delle presentazioni dei vini e dei Consorzi delle principali denominazioni di origine della regione come, tradizionalmente, avveniva a febbraio. Cambiamento nel cambiamento, il nuovo calendario primaverile prevede che sia il Chianti Classico a chiudere la settimana, con la sua Collection che si terrà come di consueto alla Stazione Leopolda di Firenze, nelle giornate di giovedì 20 e venerdì 21 maggio.

    “Non tutto il male viene per nuocere – ha commentato Francesco Mazzei, presidente di AVITO – i mesi primaverili sono infatti il periodo ideale, non solo per degustare vini più pronti, ma anche per far vivere e visitare gli splendidi territori del vino nel loro massimo splendore a tutti gli ospiti che auspichiamo di poter accogliere, numerosi, in Toscana”.

    Alle parole del presidente di AVITO, fanno eco quelle di Andrea Rossi, presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano: “Se da un punto di vista commerciale forse sarà tardi per parlare di anteprime in commercio – ha detto – tuttavia siamo convinti che degustare le nostre eccellenze in una Toscana primaverile, anziché d’inverno come al solito, non potrà che rafforzare quel messaggio che da sempre cerchiamo di trasmettere, ovvero il forte legame tra paesaggio ed eccellenze agroalimentari. Ringraziamo quindi il neo assessore all’agricoltura, Stefania Saccardi, per aver saputo accogliere le necessità dei Consorzi”.

    La kermesse, organizzata dalla Ragione Toscana, Camera di Commercio di Firenze e dai Consorzi, vede ogni anno la partecipazione di molti giornalisti nazionali ed internazionali e coinvolge tutti i territori della regione, in modo itinerante.

    Related Posts

    Ultimi Articoli

    Buona Pasqua da La Serena, un brindisi alla primavera con i vini della cantina

    Dal Brunello al Rosso di Montalcino, alla Cantina La Serena la Pasqua ha il profumo del buon vino. In attesa della bella stagione. La Pasqua coincide, quest'anno, con i primi...

    Laimburg, vini che invecchiano nella roccia

    La cantina scavata nella roccia porfirica è uno dei fiori all'occhiello di Laimburg, dove vengono conservati e affinati alcuni dei suoi vini. Qui si svolgono anche degustazioni ed eventi istituzionali

    Dl Sostegno: chi ne beneficierà e quali sono i parametri per fare domanda

    Dall'8 Aprile arrivano i fondi del Dl Sostegno Cambiano i parametri di assegnazione nel Dl Sostegno, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 Marzo: punto chiave...