Select Page

Enogastronomia: i tesori dell’Umbria in un weekend

Enogastronomia: i tesori dell’Umbria in un weekend

Addentrarsi nellUmbria in autunno significa entrare in contatto con sapori, profumi e colori che difficilmente si dimenticano. E poi ci sono gli umbri: con passione, semplicità, unaccoglienza schietta e di livello sempre crescente, sono pronti a dimostrare che la vicinanza con regioni enoturisticamente più blasonate (leggi alla T di Toscana!) in fondo può non essere un problema.

Lenoturista che sceglierà lUmbria si ritroverà, a perdita di sguardo, il colore verde come dominante, borghi deliziosi e curatissimi da percorrere lentamente, a piedi o in bicicletta, unofferta recettiva e gastronomica di elevata qualità e con un rapporto qualità-prezzo equilibrato, vitigni autoctoni che danno vita a grandi vini (in alcuni casi grandissimi) e che ormai guardano alleccellenza: spiccano, tra questi, il Grechetto e il Sagrantino di Montefalco. Il primo, straordinario portavoce in bianco del territorio, dà risultati di assoluto pregio e sono sempre di più le cantine che scelgono di vinificarlo, in legno o solo in acciaio. Il secondo, distintivo per il suo tannino, ricco e pronto ad invecchiare con maestria e pazienza, per ammorbidirsi mantenendo sempre una freschezza importante.

Ecco alcune tappe che vi suggeriamo per un weekend enogastronomico (e non solo).

Segnate pure in agenda, o nelle note dello smartphone!

Torgiano

Si trova in una posizione strategica, nel cuore dellUmbria, ed è una base ideale da cui partire. Davvero consigliata la visita al Museo del vino, dellolivo e dellolio, realizzato dalla Fondazione Lungarotti, gestita da Maria Grazia Marchetti Lungarotti, madre delle attuali titolari Chiara Lungarotti e Maria Teresa Severini. Il Museo rende omaggio a 5mila anni di storia attraverso reperti archeologici e pezzi rari, esposti lungo le 20 sale dedicate al vino, ricche di oltre 3000 manufatti, a partire dal tempo degli Etruschi fino ad arrivare al recentissimo XX secolo.

Dopo la visita si possono gustare delle golose tipicità umbre alla vicina Osteria del Museo, dove non mancano ottimi salumi nostrani e la golosa torta al testo.

E siccome la strada del vino è anche strada dellarte, c’è il Parco Sculture di Brufa con i suoi suggestivi monumenti a cielo aperto.

 

I Grandi Vini di Lungarotti

Dopo una sfiziosa sosta di gusto all’Osteria del Museo, è imprescindibile la visita alla Cantina Giorgio Lungarotti. Tra olio extravergine e vini del territorio, Chiara Lungarotti e il suo staff aprono la strada ad un percorso enologico affascinante e coerente col territorio. Fra i bianchi, degno di nota il Torre di Giano Vigna Il Pino 2015, per la sua ricchezza e complessità. Tra i rossi, segnaliamo il Rubesco Riserva Vigna Monticchio, un fiore all’occhiello che ha potenza e al contempo grande eleganza.

La cantina è quasi sempre aperta nel weekend per visite e degustazioni, anche per poche persone. Sempre meglio prenotare. 

 

I Grandi Vini di Cantine Blasi

Nel territorio di Umbertide nei Colli Alto Tiberini, le Cantine Blasi, gestita dei fratelli Mauro e Anna, è un grande esempio di ospitalità a 360 gradi. La cantina è stata recentemente oggetto di un’accurata ristrutturazione, conservativa e innovativa al tempo stesso, che la rende oggi luogo ideale anche per cene o rinfreschi. La formula di degustazione a buffet esalta la vocazione familiare e culinaria della famiglia Blasi, che riesce a garantire qualità nel piatto, di pari passo alla qualità nel calice e alla convivialità. Senza forzature, l’accoglienza da queste parti è davvero un valore. Nel calice, molto interessante è “Impronta: blend di Sangiovese (30%), Merlot (30%) e Sagrantino (40%). Dotato di una bella bevibilità, si abbina benissimo a piatti della cucina umbra che qui vi verranno sapientemente preparati: gnocchetti al tartufo, timballetti di pasta al forno e l’imperdibile porchetta di Umbertide fatta da decenni dal Didi” (provate a chiedere, da queste parti è un’istituzione e non teme rivali in fiere e mercati tipici).

 

Montefalco

Delizioso centro storico in provincia di Perugia, poco più di 5mila abitanti per essere il punto di riferimento della Doc e della Docg, a cui dà il nome. Il centro è suggestivo e pittoresco, ma dopo una passeggiata c’è da perdersi dentro il Complesso Museale di San Francesco. Lì è possibile ammirare gli splendidi affreschi di Benozzo Gozzoli, risalenti al 1452 e dedicati alla vita di San Francesco. Tra strade medievali da scoprire, palazzi storici, chiese, chiostri e cortili, si capisce come mai la cittadini abbia meritato l’appellativo di ringhiera dell’Umbriae sia oggi uno dei borghi più belli d’Italia.

 

I Grandi Vini della Cantina Scacciadiavoli

Costruita nel 1884, oggi è di proprietà della famiglia Pambuffetti. Oggi l’azienda ha 35 ettari vitati e un totale di 250mila bottiglie. Il Sagrantino, qui, la fa da padrone, sia in versione secca che passita. Non manca il convincente Grechetto, ma la cosa che ci ha stupiti di più è un affascinante metodo classico, da uve Sagrantino. Nella versione in bianco, c’è un 15% di Chardonnay. Poi si passa alla versione rosè, da uve Sagrantino 100%. La sorpresa, piacevolissima. Invoglia ad un sorso disinvolto. Abbinamento perfetto con i salumi e i formaggi tipici della zona, senza tralasciare naturalmente la torta al testo, contrappunto indispensabile.

 

Todi

Di bellezza in bellezza. In questo caso si somma all’eleganza del Medioevo, che rinasce nei vicoli curatissimi e nei panorami suggestivi. Da lassù è facile: Todi sorge in cima ad una collina e domina la valle del Tevere. Dominante: colore verde. Riempie lo sguardo e lo sazia. Bellissima la Chiesa di San Fortunato, risalente al XIII secolo, al suo interno contiene la tomba del poeta umanista Jacopone da Todi. Per i più arditi, salire gli scalini e arrivare al campanile è una faticache ricompensa: il panorama che si gode è sconfinato e non si dimentica facilmente.

 

I Grandi Vini di Roccafiore

Non una semplicecantina: Roccafiore è anche un wine resort, un ristorante (chef Carlo Grimaldi) e una spa.

L’esperienza che avvolge il turista, perciò, diventa totalizzante e ideale per un fine settimana all’insegna del benessere e della tipicità. Le 11 stanze e le due suites sono arredate con gusto e ricercatezza. L’atmosfera è di quelle che coccolano ed esaltano i sensi in qualsiasi stagione. E’ nella stagione estiva che però Roccafiore dà il meglio, grazie alla bellissima terrazza panoramica: lì è possibile pranzare e cenare con vista su Todi. Tra i vini, segnaliamo il Fiorfiore, Grechetto di Todi al 100%, profumato nelle sue note di fiori gialli e frutta a polpa gialla, equilibrato grazie alla sua freschezza e mineralità. Un Grechetto di grande carattere.

 

I Grandi Vini della Tenuta di Salviano

Spostandosi verso sud, in direzione Orvieto, e attraversando il suggestivo Lago di Corbara, si raggiunge il piccolo borgo di Civitella del Lago e, lì vicino, una chicca di recente acquisizione da parte dei Marchesi Incisa della Rocchetta: Tenuta di Salviano. La cantina ha una lunghissima storia, e dal 2015 la Tenuta è diventata proprietà di Tara e Giovanni Incisa della Rocchetta. Un nuovo corso che ha dato una crescente identità e personalità ai vini. Segnaliamo un ottimo Grechetto e un’eccellente Vendemmia Tardiva Orvieto Classico Doc Superiore. Un vino questo che gode di condizioni ideali grazie al microclima unico del vicinissimo lago. Noi lo abbiamo provato in abbinamento a della pasticceria secca, ma la fantasia suggerisce anche l’incontro con formaggi erborinati o stagionati.

 

I Grandi Vini di Cantina Palazzone

Orvieto è vicina, vicinissima, anche subito allo sguardo. Perché dal Palazzone si può scorgere il suggestivo borgo. Presenza iconica. Altrettanto suggestivo e poetico però, è raggiungere il Palazzone, meglio se al tramonto, perché man mano che la luce scende, il trecentesco palazzo che ospita la Locanda si staglia, fascinoso e unico, circondato com’è da colline e a ridosso del bosco. Il palazzo è stato oggetto di un riuscito restauro che ne lascia intatta la nobile architettura. Allinterno ci sono delle eleganti suites e una locanda, dove lo chef Riccardo Mattoni non ha paura di osare abbinamenti originali che si discostano dalla tipica cucina locale o comunque la rivisitano con estro. Attorno, 25 ettari vitati per esaltare anzitutto la Doc Orvieto Classico Superiore e i suoi Procanico e Grechetto; in rosso, invece, c’è lUmbria Igt, con un bel Sangiovese che incontra gli internazionali Cabernet e Merlot. Giovanni Dubini è padrone di casa appassionato e ospitale. La parola dordine: raffinatezza.

 

I Grandi Vini di Cantina Goretti

A pochi chilometri dal capoluogo Perugia, da Goretti assaggerete uno dei migliori vini rossi dell’UmbriaLArringatore. Un rosso profondo, complesso, destinato a durare, sia in bocca che nella memoria di chi lo assaggia. Un blend di Sangiovese, Merlot e Ciliegiolo che si combinano per regalare struttura e intensità.

Se questa è la punta di diamante, anche il Grechetto merita lassaggio. Non solo vino però. Qui infatti è possibile sperimentare la giocosa (ma non troppo!) scuola di cucina di nonna Marcella, cuoca e padrona di casa indimenticabile. Gli shoowcooking sono coinvolgenti, lospitalità della famiglia Goretti è da lode, è di quelle che – con semplicità – ti fanno sentire a casa.

Prenotando, si può imparare tra un calice e laltro a fare la pasta in casa e la torta al testo. Unesperienza a 360 gradi e uno stile che vorremo anche altre cantine seguissero. Qui non si trova solo degustazione ma anche emozione.

About The Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e non solo


Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi informativa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente nella newsletter che ti invieremo

ABBONATI ORA

I Grandi Vini è un bimestrale dedicato alle notizie e novità dal settore vinicolo. Da  più di 10 anni  in prima fila tra le riviste italiane sul vino, I Grandi Vini non è solo una rivista di settore è un progetto editoriale che ha come obiettivo quello di raccontare l’eccellenza, enologica in primis ma anche gastronomica, con sguardo crititco e sempre attento all’attualità, al contesto economico e socio- politico.

Regalati o regala un anno di… Grandi Vini

 

SCOPRI COME

Video Recenti

Loading...

Cos’è WineNetwork?


Un’ampia e moderna rete di servizi  con un unico comune denominatore: il vino.

Da oggi puoi raggiungere il target giusto

Il nostro consulente WineNetwork ti aiuterà a comunicare!

 

SCOPRI COME

Agro Meteo

oggi 14 Dec 19

 

  

  • vento
  •  
  •  
N/A
5 giorni di previsioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
N/A
Settaggi

Unità di temperature

  • Fahrenheit
  • Celsius

Unità di misura vento

  • Miglia
  • Kilometri
  • Metri
X