sabato , 18 novembre 2017
Home > News > Il whiskey irlandese ha una storia di grande crescita da raccontare

Il whiskey irlandese ha una storia di grande crescita da raccontare

E la multinazionale Diageo investe proprio a Dublino.

Extra wine: il whiskey irlandese è lo spirit che ha fatto registrare una maggior crescita su scala mondiale.
Le cifre sono importanti: guardando gli ultimi 10 anni, si parla di un incremento nelle vendite che supera il 300%, senza tralasciare il record nell’export di 400 milioni di euro nel 2015.
A farlo sapere è la multinazionale Diageo, che ha pronto un piano di investimento per la costruzione di una distilleria in St. James’s Gate, area di Dublino storicamente consacrata alla produzione di whiskey. Il valore dell’operazione si aggira intorno ai 25 milioni di euro.

Apprezzamento è arrivato dal ministro dell’agricoltura Michael Creed TD: “il whiskey irlandese sta vivendo un ritorno alla popolarità pari a quella della sua età dell’oro nel XIX secolo – ha detto -. L’investimento di Diageo supporterà l’economia locale, creando lavoro e offrendo una nuova meta per il turismo locale. Il mercato del whiskey irlandese ha una grande storia da raccontare e l’annuncio di oggi segna un entusiasmante nuovo capitolo nel suo sviluppo.”

L’azienda ha anche annunciato, per il 1 marzo nelle più importanti città europee, di Roe & Co, un nuovo blend premium di whiskey irlandese che arriva dopo tre anni di ricerca su 100 prototipi di blend ad opera della Master Blender Caroline Martin.
Un nuovo whiskey, frutto dell’esperienza trentennale della Martin, il cui nome si ispira a George Roe, il più celebre produttore del XIX secolo (senza dubbio l’età dell’oro del distillato di cereali).

About Stefania Abbattista

Pugliese di nascita e toscana d’adozione, è approdata al vino dopo un percorso fatto di letteratura e poesia. Le leggi del marketing le ha imparate sul campo, e rifarebbe tutto daccapo perché oggi, proprio grazie alla sua formazione, sa che il più potente degli strumenti è la parola. E ogni giorno cerca di piegarla un po' al servizio del vino, che considera la poesia della terra. È giornalista e sommelier AIS.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

si