venerdì , 28 luglio 2017
Home > Rubriche > Enoturismo > Con il progetto “Vino e Cultura” il Comune di Asti rilancia il turismo

Con il progetto “Vino e Cultura” il Comune di Asti rilancia il turismo

Il progetto, che ha portato al Comune 7,1 milioni di euro dei fondi dell’Agenda Urbana, punta a rafforzare l’identità di città del vino e della cultura di Asti

Si chiama “Vino e Cultura” il progetto del Comune di Asti che punta a riqualificare e promuovere in rete il patrimonio culturale della città. Un progetto importante, che si è aggiudicato 7,1 milioni di euro dei fondi messi a disposizione dall’Agenda Urbana. Il progetto “Vino e cultura” è “frutto di un lavoro di ascolto e di raccolta di buone idee”, ha dichiarato il Sindaco Fabrizio Brignolo, “che punta a rafforzare l’identità di città del vino e della cultura, per innescare un processo di rivitalizzazione economica e culturale…..Questo progetto, condiviso con più soggetti del territorio, vuole essere un’occasione per Asti e per far conoscere le colline, le vigne e le cantine del territorio”.

Il piano previsto da “Vino e Cultura” consta di un programma di riqualificazione, recupero architettonico e restauro di numerosi locali, palazzi storici e musei, come il Palazzo Ottolenghi, il Museo di Sant’Anastasio e l’ex Biblioteca civica. A ciò si aggiunge l’apertura dell’Enoteca Regionale della Città e di spazi espositivi dedicati alle “Botteghe storiche della Città”, al coworking cinematografico e alla ristorazione.

Alle azioni sul campo fanno riscontro quelle sul piano digitale, volte a favorire un approccio più smart alla città turistica: dalla creazione di un percorso di interesse culturale “for all” e di un percorso museale corredato di un’app per accompagnare i turisti, passando per l’installazione di bolle wi-fi gratuite nei musei e nei luoghi della cultura, fino alla realizzazione di un sistema di realtà aumentata per le visite nei locali ristrutturati.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

si