giovedì , 14 dicembre 2017
Home > Opinioni > Interviste > Lorenzo Righi ci racconta il Club Excellence tra la Modena Champagne Experience e i progetti futuri

Lorenzo Righi ci racconta il Club Excellence tra la Modena Champagne Experience e i progetti futuri

 

Lorenzo Righi, coordinatore del Club Excellence, il Club dei Distributori e Importatori nazionali di vini e distillati d’eccellenza, racconta l’evento che avrà luogo tra pochi giorni a Modena, il Modena Champagne Experience, e i futuri progetti del Club.

 

Domenica 8 e lunedì 9 Ottobre a Modena si svolgerà la più importante manifestazione italiana dedicata allo champagne, la Modena Champagne Experience, organizzata dal Club Excellence. L’Italia, dunque, rappresenta ancora oggi un mercato importante per lo Champagne?

L’italia rappresenta il settimo mercato al mondo, con consumi in aumento di circa il 10% negli ultimi 3 anni. Non siamo ancora brillanti come qualche anno fa, ma il mercato dello champagne in Italia è abbastanza florido.

 

Avete in programma altri eventi sul nostro territorio per approfondire la conoscenza di Maison famose e non?

La nostra idea è rendere questo evento costante nel tempo su base annuale, con contenuti sempre più didattici e qualitativi. Non desideriamo solo far degustare i prodotti, ma anche, per quanto possibile, contribuire alla conoscenza culturale del prodotto.

 

Come si sente nel rivestire un importante incarico in una fase strategica per la vita del Club Excellence?

Diciamo che questo incarico mi è stato assegnato in un momento particolare della mia carriera. La prima sensazione è stato sorpresa, non me lo aspettavo, poi una sensazione di forte responsabilità: infatti rappresentare 12 importatori storici, tutti molto affermati sul mercato, pur con differenti filosofie imprenditoriali, commerciali e di marketing, non è semplice. Ovviamente io non entro nel merito delle strategie delle singole Società, ma devo cercare con l’aiuto di tutti i soci, di creare soluzioni innovative per promuovere l’immagine generale del club, e la conoscenza dei principali prodotti importati e distribuiti, il tutto in modo trasversale, cioè utile alla totalità dei soci.

 

Quali sono i progetti futuri per il Club Excellence?

Il tema legato agli eventi è importante, stiamo infatti mettendo in cantiere un nuovo evento ancora più eclatante di questo, ma non è il solo… Stiamo lavorando su soluzioni legate alle principali criticità della Importazione e distribuzione: la logistica, i trasporti, la formazione del personale, la comunicazione… cerchiamo in sostanza di unire le competenze di tutti per verificare la possibilità di creare soluzioni uniche, ottimizzando tempi, costi, e energie.

 

Quale è il suo principale compito come coordinatore nel Club Excellence?

Il principale compito è coordinare le attività del club (come gli eventi, gli incontri, le riunioni), ma soprattutto raccogliere le idee, e le esigenze di tutti i soci, trovando la quadratura del cerchio quando possibile, evidenziando soluzioni utili a tutti. Non sempre è possibile al 100%, ma l’esistenza di un club costituito da 12 aziende in concorrenza tra loro, testimonia che i Soci, appartenendo al Club hanno più vantaggi che svantaggi.

 

Lei è un grande professionista del settore vinicolo, può vantare infatti una lunga esperienza come direttore commerciale ed è, inoltre, titolare di un’azienda che produce aceto balsamico…

Di statura sono sicuramente grande! (197 cm). A livello professionale dovremmo chiedere ai miei titolari….Detto questo, ho avuto la fortuna di lavorare con grandi produttori che mi hanno fatto crescere molto professionalmente, e che mi piace spesso ricordare: Valentino Migliorini di Podere Rocche dei Manzoni (scomparso troppo presto), Roberto Felluga (della ditta Marco Felluga e Russiz Superiore), Sebastiano Castiglioni (Querciabella), e Cesare Turini (Heres spa). Mi sento di dire che da tutte queste persone ho imparato tantissimo. In merito all’acetaia La Secchia: è un’attività quasi amatoriale, seppur di alto livello, che mi ha quasi sempre accompagnato sul mercato del vino seguendomi nella mia professione. Parliamo di numeri modesti, ma poiché i miei primi clienti sono i miei figli, sulla qualità non accetto compromessi, ho quindi conquistato la fiducia di un certo numero di ottimi clienti.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

si