venerdì , 28 luglio 2017
Home > Rubriche > Enoturismo > La Sicilia nel gotha dell’enoturismo italiano

La Sicilia nel gotha dell’enoturismo italiano

È la O’Keefe a tributarle tanto. 

catania-etna-sicilia-italy-castielli_cc0_hq1Non è un mistero che la Sicilia disponga di un valido patrimonio, nonché di un enorme potenziale, sul fronte enoturistico; da qualche anno, infatti, l’isola, tra le mete più frequentate dai wine lovers, è entrata nel gotha delle Regioni rappresentative del vino italiano nel mondo. Un traguardo significativo, coronato dal recente riconoscimento tributatole dal “Wine Enthusiast” che, attraverso la sua corrispondente dall’Italia, Kerin O’Keefe, ne decanta le doti attrattive e la inserisce tra le “Best Wine Destinations 2017”.

Unica tra le località italiane, la Sicilia si presenta come una terra “costellata da antichi templi greci e cattedrali normanne costruite dai primi invasori, con una storia ricca e un patrimonio culturale multiforme. Vanta anche miglia e miglia di spiagge incontaminate, paesaggi mozzafiato ed il più alto vulcano attivo d’Europa, l’Etna. La Sicilia produce vini fantastici, sia da vitigni autoctoni che internazionali. Dai rossi corposi ai bianchi vibranti e minerali. Accostateli alla cucina locale, e capirete perchè la Sicilia è un paradiso per i wine lovers”.

Un ritratto indubbiamente lusinghiero, parte di un lungo articolo della O’Keefe che, oltre a segnalare i ristoranti di punta della gastronomia siciliana, fornisce importanti dritte per un’esperienza enoturistica unica. Come infatti ricorda “Wine Enthusiast”, anche se molti areali sono adesso attraversati da Strade del Vino, il top si raggiunge con le visite nelle tante cantine presenti sul territorio. Un vasto campionario di eccellenze vinicole che la Sicilia dischiude in tutta la sua maestosità; come i meravigliosi vigneti adagiati alle pendici dell’Etna, preziosa cornice di uno scenario da favola.

Ad accompagnare l’isola italiana, troviamo altre destinazioni degne di nota; come la Provenza, le Isole Canarie, Londra, i territori di Marlborough, in Nuova Zelanda, la zona di Rheingau, in Germania, le alture di Cafayate, in Argentina, i Bassopiani della Tracia, in Bulgaria e le aree di Calistoga e dell’Hood River, negli Stati Uniti.

About Giulia Montemaggi

Senese di nascita, di indole fantasiosa e creativa, si laurea alla Facoltà di Giurisprudenza. Abbandonando la carriera legale fin da subito, decide ben presto di aggiustare il tiro dedicandosi, con gusto, alla sua vera passione: la scrittura.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

si