sabato , 22 luglio 2017
Home > Opinioni > Interviste > Famelici: il foodblog dove si conosce, si gusta, ci si contamina

Famelici: il foodblog dove si conosce, si gusta, ci si contamina

Una nuova prospettiva all’enogatronomia.

Ancora cibo? Non si rischia la grande abbuffata? Eppure a volte basta cambiare prospettiva.

Così nasce l’avventura digitale di Alessandra Cioccarelli, Camilla Rocca e Monica Viani, dal nome che è tutto un programma “famelici”. Tre giornaliste animate da una sana curiosità verso tutto ciò che è gusto, bellezza, piacere e cibo.

Come nasce il progetto? E in che cosa consiste?
“Famelici è un progetto messo in campo, o meglio in rete, da tre giornaliste specializzate nel world of food: Alessandra Cioccarelli, Camilla Rocca e Monica Viani. Siamo tre donne animate da una sana – ma a volte insana- curiosità verso tutto ciò che è gusto, bellezza, piacere e cibo. Il foodblog nasce per creare dibattito, informazione, idee, progetti di sviluppo e se possibile una rinascita di quel legame tra cibo e cultura, talvolta dimenticato in nome della spettacolarizzazione. Perché il nome Famelici? Perché siamo “affamate” di cultura! Abbiamo dato vita a un eco-sistema digitale composito. Ci sono i blog e le piattaforme di Linkedin, Facebook e Instagram coinvolti in un network di commistioni. L’offerta vuole essere ricca di spunti innovativi. Qualche esempio? Tecno Eventi, Performance Enogastronomiche ed altro in vista della Milano Food City del 4 maggio 2017”.

Cosa significa cambiare prospettiva nel mare magnum (digitale e non solo) della food communication?
“Significa superare quella droga collettiva per cui il mondo dell’enogastronomia è ormai sinonimo di ricettario o di spettacolarizzazione di un’arte che ha numerosi significati e che contribuisce a costruire l’identità culturale di un Paese come l’Italia. Famelici è un foodcultblogging collettivo di contaminazioni ed esplorazioni: cibo, arte, storia, attualità, socialità, tecnologia e tutto quello che è sulla tavola di ieri, oggi e domani. Il nostro obiettivo è quello di incentivare la voglia di discutere in modo originale, rifuggendo dalle banalità”.

Quali sono i prossimi step e i progetti per il futuro?
“Ci piacerebbe contribuire alla crescita di un settore che ha tante idee da esprimere. Certamente vorremmo diventare un punto di riferimento per chi ama il cibo e la sua dimensione culturale. Prossimi step? Organizzare eventi, tavole rotonde, pubblicare e-book o libri. Ma, come recita il nostro claim, ‘Il miglior appetito è il desiderio!’…e i desideri nascono spesso all’improvviso in base agli incontri che si fanno lungo un cammino”.

 www.famelici.itcontatti@famelici.it

About Claudia Cataldo

Appassionata di marketing e vino, è cresciuta con la penna in mano, poi è arrivato anche il bicchiere. Ha studiato comunicazione, marketing dell'agroalimentare e infine un master in marketing del vino. Per lei il vino è sentori e aroma, ma anche etichetta, immagine, identità. E sa bene che l'imperativo per il buon giornalista, anche di vino, deve essere “stay tuned”.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

si